La Biennale di Venezia

Venezia, arrivoooo!!

Finalmente si torna alla Mostra Internazionale d’Arte Cinematrografica.

L’ accredito e il green pass non vedono l’ora di accompagnarmi dall’ 8 al 12 settembre e di accedere alle mitiche sale del Festival.

Visto il tempo limitato, si è deciso di puntare alla visione delle opere presentate nelle sezioni Orizzonti, Orizzonti Cortometraggi e Orizzonti Extra.

Qui di seguito potete trovare i lungometraggi e i cortometraggi visionabili nei 4 giorni sopra menzionati, raggruppati in un unico elenco.

Buona lettura.

Magari ci vediamo a Venezia.

FILM:

PILIGRIMAI (PELLEGRINI) di Laurynas Bareisa;

ONCE UPON A TIME IN CALCUTTA di Aditya Vikram Sengupta;

BODENG SAR (WHITE BUILDING) di Kavich Neang;

MA NUIT di Antoinette Boulat;

EL OTRO TOM di Rodrigo Plá, Laura Santullo;

INU-OH di Masaaki Yuasa;

SOKEA MIES, JOKA EI HALUNNUT NÄHDÄ TITANICIA (IL CIECO CHE NON VOLEVA VEDERE TITANIC) di Teemu Nikki;

MULAQAT (TEMPESTA DI SABBIA) di Seemab Gul;

LA FÉE DES ROBERTS di Léahn Vivier-Chapas;

PREGHIERA DELLA SERA (DIARIO DI UNA PASSEGGIATA) di Giuseppe Piccioni;

DON’T GET TOO COMFORTABLE di Shaima Al-Tamimi;

VERA ANDRRON DETIN (VERA SOGNA IL MARE) di Kaltrina Krasniqi;

MAMA, YA DOMA (MAMMA, SONO A CASA) di Vladimir Bitokov;

HELTZEAR di Mikel Gurrea;

TOU SHENG, JI DAN, ZUO YE BEN (HAIR TIE, EGG, HOMEWORK BOOKS) di Luo Runxiao;

IL TURNO di Chiara Marotta, Loris Giuseppe Nese;

NOSORIH (RINOCERONTE) di Oleh Sentsov;

WELA (ANATOMIA DEL TEMPO) di Jakrawal Nilthamrong;

FALL OF THE IBIS KING di Josh O’Caoimh, Mikai Geronimo;

PID POKATI MAI (NUOVA ANORMALITÀ) di Sorayos Prapapan;

KANOYAMA (MONTAGNA DEI CERVI) di Momi Yamashita;

LOS HUESOS di Cristóbal León, Joaquín Cociña;

TECHNO, MAMA di Saulius Baradinskas;

DESCENTE (4 AM) di Mehdi Fikri;

ATO di Bárbara Paz;

LA MACCHINA DELLE IMMAGINI DI ALFREDO C. di Roland Sejko.

Strabiche news: è nato il Biennale Cinema Channel.

Da oggi è disponibile un nuovo canale online per gli amanti del cinema, il Biennale Cinema Channel, il nuovo canale streaming della Biennale di Venezia.

Il canale si appoggia a MYmovies.it, piattaforma leader in Italia nella diffusione di contenuti cinematografici e delle proposte dei Festival di cinema, sito divenuto vitale nel 2020 per l’offerta dei festival costretti a chiudere i battenti al pubblico a causa della pandemia.

Lo scopo del canale è quello di rendere fruibili film proiettati alla Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica tra il 2007 e il 2020 e mai distribuiti in Italia.

La piattaforma offre una selezione di pellicole che provengono dalle sezioni Concorso, Fuori Concorso e Orizzonti, un’ottima occasione per il pubblico italiano che purtroppo, molto spesso, si perde perle cinematografiche presentate ai festival a causa della loro mancata distribuzione nelle sale.

Buon divertimento.



Strabiche news: la Sala web della Mostra di Venezia.

La 76esima Mostra di Venezia è alle porte e si incomincia a fare il conto alla rovescia.

La Biennale ha comunicato, oltre al programma ufficiale del Festival, anche i titoli dei film che saranno disponibili via streaming nella Sala Web, ovvero la sala virtuale dotata di 1000 posti della Mostra del Cinema.

I film trasmessi sono 7 e saranno disponibili online dal 29 agosto fino al 19 settembre.

Per poter accedere alla Sala Web bisogna acquistare i biglietti digitali sul sito della Biennale o iscriversi alla piattaforma streaming Festival Scope, che trasmetterà i film della Mostra in collaborazione con la piattaforma italiana MyMovies.

Prima di scrivere questa news strabica ho acquistato il biglietto digitale per tutti e 7 i film della Sala Web e l’ho fatto sul sito della piattaforma Festival Scope dove ho già un account da tempo. In totale ho speso 14 euro.

Per tutte le informazioni relative all’elenco dei titoli, alle schede dei film e ai costi del servizio, vi invito a visitare sia il sito della Biennale, sia il sito di Festival Scope.

Buona visione!